Osteocondrosi cervicale: sintomi, cosa minaccia, conseguenze

i principali sintomi dell'osteocondrosi cervicale

L'osteocondrosi è una delle patologie più comuni dell'apparato muscolo-scheletrico.

Diversi decenni fa, si credeva che questo fosse un problema principalmente per le persone maggiorenni, ma ora l'osteocondrosi cervicale è "più giovane". Ciò significa che può infastidire i giovani, il che preoccupa non solo i pazienti, ma anche i medici.

La medicina sta attivamente cercando modi per combattere efficacemente questa condizione. Cos'è questa malattia, come si manifesta, perché si sviluppa e come sbarazzarsene?

Descrizione della malattia

Rappresenta alterazioni degenerative-distrofiche nei dischi intervertebrali. L'osteocondrosi cervicale è accompagnata dal loro danno, da una diminuzione della loro altezza e da danni alle articolazioni e alle vertebre di quest'area.

Nel corso della vita di una persona, le cartilagini vertebrali si consumano, la quantità di umidità in esse, necessaria per il loro normale funzionamento, viene significativamente ridotta. Inoltre, i processi del metabolismo minerale vengono interrotti nelle articolazioni e nelle ossa. Tutto ciò porta al fatto che perdono forza, la regione cervicale diventa instabile e i suoi tessuti diventano fragili. Ciò, a sua volta, può provocare il fatto che le vertebre siano spostate, spesso si formano ernie intervertebrali, la malattia di quest'area della colonna vertebrale progredisce.

L'osteocondrosi del rachide cervicale si sviluppa in più fasi:

  • Nella prima fase, il nucleo della polpa è disidratato - la parte interna del disco intervertebrale, che consiste in una sostanza gelatinosa (condrina) e una massa semiliquida (fibre che formano il tessuto connettivo). Già durante questo periodo viene avviato il meccanismo di distruzione dei tessuti osseo-cartilaginei;
  • Il secondo stadio è caratterizzato dal prolasso delle vertebre, a seguito del quale si osserva cedimento dei muscoli e dei legamenti;
  • Nella terza fase, la sporgenza del contenuto dei dischi diventa pronunciata, si formano ernie. In questa fase, si verificano spesso danni ai muscoli e ai vasi cervicali;
  • L'aumento della mobilità delle vertebre provoca la risposta del corpo, per garantire la funzionalità di questa sezione del sistema muscolo-scheletrico. Il risultato è la comparsa di escrescenze ossee sulla superficie delle vertebre - osteofiti. Insieme a questi processi, cresce il tessuto fibroso. Queste formazioni avvolgono quest'area della colonna vertebrale, intasandola.

Con lo sviluppo della malattia di questa parte della colonna vertebrale, diventa sempre più difficile svolgere le sue funzioni e la persona sperimenta un disagio tangibile.

Sindromi e sintomi dell'osteocondrosi

I principali segni della malattia:

  • Dolore al collo, al petto, alla parte superiore della schiena, alle spalle. Possono apparire in altre parti del corpo. L'inizio del dolore è dovuto al pizzicamento dei muscoli e delle terminazioni nervose. Se c'è dolore nella regione toracica, è possibile che si sviluppi l'osteocondrosi cervicotoracica. In questo caso, può essere acuto e di breve durata, ma si presenta regolarmente, o leggermente espresso, ma a lungo termine (non retrocedere per diverse settimane);
  • Il mal di testa è spesso un sintomo della malattia;
  • Vertigini. Loro, come il sintomo precedente, appaiono a causa del fatto che l'arteria che fornisce al cervello sostanze nutritive e ossigeno è compressa. Per lo stesso motivo il paziente spesso avverte una debolezza generale, si stanca rapidamente anche con un minore stress fisico e mentale;
  • Sensazione di debolezza alle braccia. Questo sintomo di osteocondrosi cervicale si fa sentire a causa del pizzicamento delle terminazioni nervose coinvolte nella regolazione dell'attività motoria;
  • Diminuisce (o aumenta) la sensibilità degli arti superiori. Negli stadi avanzati, il paziente può smettere del tutto di spostarli;
  • Rigidità della parte superiore della schiena, area del torace, sensazioni di trazione;
  • Disagio quando si gira la testa. Molti pazienti non sono in grado di spostarla completamente. Di solito sono accompagnati da uno scricchiolio che appare come risultato di cambiamenti strutturali nei dischi intervertebrali;
  • Deterioramento della vista, dell'udito. Osteocondrosi del rachide cervicale, questi sintomi si manifestano a causa di un insufficiente afflusso di sangue al cervelletto. Di solito si fanno sentire nelle ultime fasi dello sviluppo della malattia.

La patologia è accompagnata da una serie di sindromi:

  • Root. È accompagnato da dolore alle scapole, alle spalle e deriva dal pizzicamento dei nervi del collo;
  • Vertebrati. I suoi sintomi principali sono il mal di testa, che si diffonde principalmente alle regioni occipitali e temporali;
  • Riflettente. Questa sindrome è accompagnata da forte dolore, disagio al collo. In molti pazienti, questi sintomi diventano più pronunciati con i movimenti della testa. Spesso danno al petto, alle spalle;
  • Cardinale. La sindrome è accompagnata da disagio nella regione del cuore. Le sue manifestazioni sono simili a quelle dell'angina pectoris e talvolta è difficile differenziare queste condizioni.

Le principali cause dello sviluppo della malattia

come si manifesta l'osteocondrosi del rachide cervicale

I cambiamenti nel corpo legati all'età non passano inosservati per il sistema muscolo-scheletrico. Più una persona diventa anziana, più pronunciato diventa lo squilibrio minerale, la perdita di umidità nei tessuti. Tutto ciò funge da motivo per lo sviluppo della patologia.

Ma l'osteocondrosi cervicale può manifestare sintomi anche nei giovani, e in questo caso l'insorgenza della malattia è associata ad altri provocatori, tra i quali i più frequenti sono:

  • Postura scorretta;
  • Peso eccessivo, che mette enorme stress sulla colonna vertebrale. Inoltre, di solito è la causa di disturbi metabolici, a causa dei quali i tessuti ossei e cartilaginei si consumano più velocemente;
  • Attività fisica a lungo termine, sollevamento pesi;
  • Uno stile di vita sedentario, a causa del quale una persona si muove un po ', si sviluppano processi stagnanti;
  • Violazione della struttura della colonna vertebrale - congenita o acquisita;
  • Condizionamento genetico;
  • La presenza di lesioni del sistema muscolo-scheletrico;
  • Malattie di natura autoimmune, che provocano la degenerazione dei tessuti ossei e cartilaginei;
  • Stress frequente, shock nervoso, altre condizioni negative del sistema nervoso.

Diagnostica

Se compaiono i sintomi, consultare un ortopedico o un traumatologo. Lo specialista del reclamo del paziente può immediatamente sospettare a quale malattia è associato.

Ma le seguenti misure diagnostiche sono generalmente prescritte per fare una diagnosi accurata:

  • Radiografia.Questa tecnica riprende immagini di alcune aree per studiarle in dettaglio. Lo studio consente di rilevare formazioni che si formano durante il decorso della malattia, deformazione dei tessuti, spostamento dei dischi;
  • Risonanza magnetica per immagini.Grazie a questo metodo diagnostico, è possibile analizzare le condizioni dei tessuti, identificare le ernie e persino stabilirne le dimensioni, che è importante per determinare lo stadio di sviluppo della patologia;
  • Tomografia computerizzata.Questo metodo diagnostico fornisce le stesse informazioni della terapia di risonanza magnetica, ma è molto difficile determinare la dimensione delle lesioni utilizzandolo;
  • Elettromiografia.Questa tecnica consente di stabilire le conseguenze del decorso della malattia. Grazie ad esso, viene determinata la conduzione nervosa. Nel caso dell'osteocondrosi del rachide cervicale, è significativamente ridotto, che è uno dei segni della patologia.

Se è presente un disturbo circolatorio, è possibile utilizzare gli ultrasuoni per determinarne la velocità e rilevare eventuali barriere che lo ostruiscono.

Tecnica per il trattamento dell'osteocondrosi cervicale

metodi di trattamento dell'osteocondrosi cervicale

Prima di tutto, la terapia mira a ridurre il dolore, alleviando le condizioni del paziente. Il secondo obiettivo importante del trattamento è prevenire la progressione della malattia. Per risolvere questi problemi, viene utilizzato un approccio integrato con il coinvolgimento di tutte le misure a disposizione della medicina che possono essere utilizzate per un particolare paziente.

Le principali terapie sono:

  • Fisioterapia;
  • Trattamento conservativo;
  • Chirurgia (se necessario).

Massaggi, esercizi adeguatamente organizzati per l'osteocondrosi cervicale, una corretta alimentazione, escluso il cibo che porta ad aumento di peso, sono misure aggiuntive efficaci. Allo stesso tempo, il cibo dovrebbe saturare il corpo con sostanze e minerali utili. Non è necessario digiunare per tutta la vita, devi solo comporre correttamente la tua dieta, regolare la quantità di cibo consumato.

Fisioterapia

Questo metodo di trattamento dell'osteocondrosi cervicale viene spesso utilizzato come misura terapeutica aggiuntiva, che è combinata con altri metodi. Il suo vantaggio non è solo l'alta efficienza, ma anche la sicurezza per l'intero corpo umano. Non è in grado di provocare un'esacerbazione delle altre patologie del paziente.

I trattamenti di fisioterapia più comunemente usati:

  • Terapia laser.La parte della colonna vertebrale interessata dalla lesione è esposta al flusso luminoso. Ha un effetto cicatrizzante, antinfiammatorio, aiuta ad eliminare il dolore;
  • Elettroterapia.L'essenza della tecnica è l'effetto sul corpo dei campi elettrici. Grazie a lui, il processo di cura della malattia è accelerato, i dolori, i disagi che lo accompagnano sono indeboliti;
  • Magnetoterapia.Questo metodo prevede la formazione di un campo bioelettrico che innesca il processo di guarigione a livello dell'organismo stesso;
  • Terapia con onde d'urto.Se viene rilevata l'osteocondrosi cervicale, il trattamento con questo metodo prevede l'erogazione di un'onda acustica. Aiuta a normalizzare i processi metabolici, il flusso sanguigno, i processi di recupero. Questo metodo ti consente di eliminare il dolore;
  • Radiazione ultravioletta. I suoni ad alta frequenza vengono comunicati al corpo, che hanno effetti analgesici, antinfiammatori, promuovono la rigenerazione dei tessuti;
  • Fangoterapia, balneoterapia(trattamento con acqua minerale). Entrambi i metodi comportano la saturazione dei tessuti interessati con elementi minerali e benefici facendo la doccia, le piscine, il bagno, l'applicazione di medicinali sulla pelle. Grazie a queste tecniche è possibile eliminare le sensazioni dolorose, per accelerare la guarigione del paziente.

Trattamento conservativo

Implica principalmente l'uso di medicinali.

Nell'ambito del trattamento dei metodi conservativi dell'osteocondrosi cervicale, vengono utilizzati vari gruppi di farmaci che hanno effetti diversi.

Molto spesso è:

  • FANS(farmaci antinfiammatori non steroidei). Grazie a loro, è possibile far fronte al dolore, ai processi infiammatori che possono svilupparsi nei tessuti, aggravando il decorso della malattia. Di solito questi farmaci sono prescritti sotto forma di gel, unguenti;
  • Condroprotettore.Questi sono farmaci molto efficaci progettati per prevenire l'ulteriore sviluppo della malattia. Inoltre, contribuiscono all'avvio dei processi di rigenerazione dei tessuti;
  • Analgesici.I medicinali di questa categoria sono usati come farmaci antinfiammatori e analgesici;
  • Medicinali vasodilatatori.Grazie a loro, è possibile migliorare il flusso sanguigno, riducendo così la gravità del dolore e riducendo i tempi di recupero del paziente;
  • Antispastici.Questi farmaci aiutano ad alleviare lo spasmo, riducendo significativamente la sensibilità dei nervi. Pertanto, hanno un effetto analgesico.

Solo un medico dovrebbe determinare come e come trattare una malattia. Può combinare farmaci di diversi gruppi al fine di potenziare il loro effetto terapeutico e la sua intensità. In alcuni casi, è sufficiente l'uso di una categoria di farmaci. Dipende dal caso specifico.

Trattamento chirurgico

Non devi sempre ricorrere ad esso. Può essere necessario un intervento chirurgico se esiste una minaccia di danni al sistema nervoso centrale, al midollo spinale, ai grandi vasi e ai fasci nervosi. Tutto ciò può portare a conseguenze molto negative. La necessità di un'operazione è determinata solo da un medico. Seleziona anche il tipo di intervento chirurgico e sono così:

  • Microdiscectomia.Questo metodo chirurgico è uno dei più comunemente usati. Prevede la rimozione di una protrusione erniaria, che preme sui vasi, sulle terminazioni nervose, sul tessuto muscolare situato nelle vicinanze;
  • Laminectomia.Si tratta di un'operazione di rimozione (completa o parziale) di archi vertebrali, legamenti, faccette articolari;
  • Nucleoplastica laser.La tecnica prevede l'asportazione di una parte del nucleo della polpa nella zona interessata mediante un laser;
  • Chirurgia endoscopica.Questa tecnica viene eseguita utilizzando un endoscopio ed è prescritta per rimuovere le ernie;
  • Artrodesi.Questo tipo di intervento chirurgico viene utilizzato per unire più vertebre (solitamente due) se sono instabili;
  • Trapianto.Operazione di innesto osseo, attraverso la quale viene riempita l'area tra le vertebre se il disco intervertebrale è stato completamente rimosso.

Complicazioni

La malattia non può essere ignorata. La proliferazione dei tessuti è irta di gravi conseguenze, tra cui:

  • Paresi, paralisi delle mani (una o entrambe);
  • Ictus;
  • Danni al sistema nervoso centrale;
  • Lesione del midollo spinale;
  • Perdita (parziale o totale) della vista, dell'udito.

Se la malattia è grave e non trattata, il paziente può persino rimanere disabile. Anche altri organi possono soffrire della malattia: cuore, sistema digestivo, polmoni.

Quando dovrei vedere un dottore?

Non dovresti ritardare una visita dal medico, perché senza trattamento, la patologia progredirà sicuramente.

È necessario consultare un medico quando sono comparsi i seguenti sintomi e non si risolvono per diversi giorni:

  • Disagio;
  • Dolore alla colonna cervicale;
  • Aumento della fatica;
  • Vertigini, mal di testa.

Per cominciare, puoi visitare un terapista che, in base ai reclami, un esame iniziale, determinerà quale specialista deve essere contattato dopo.

Trattamenti unici

Nella lotta contro questa malattia, non vengono utilizzati solo i metodi sopra elencati. Alla ricerca di una soluzione al problema, i pazienti si rivolgono anche a metodi insoliti, i più popolari dei quali sono:

  • Terapia manuale- una tecnica che prevede l'impatto con le mani sull'area interessata. Si differenzia dal massaggio in quanto, oltre a muscoli, articolazioni, ossa, vertebre, si allenano i dischi;
  • Hirudoterapia- combattere la malattia con le sanguisughe, che, se morse, rilasciano sostanze biologicamente attive nel corpo umano, la principale delle quali è l'irudina. Aiuta a purificare i vasi sanguigni, a migliorare le loro condizioni. Grazie a ciò, il flusso sanguigno viene normalizzato e, di conseguenza, il benessere del paziente migliora;
  • Riflessologia.Il metodo è più comunemente noto come agopuntura. Con il suo aiuto, vengono influenzati i punti biologicamente attivi per avviare i processi di guarigione del corpo a livello cellulare.

Se decidi di ricorrere a tali metodi di terapia, devi trovare uno specialista esperto e competente. In caso contrario, tali manipolazioni possono provocare un peggioramento delle condizioni del paziente se eseguite in modo errato.

Posso contattare un massaggiatore?

massaggio per l'osteocondrosi cervicale

Se il paziente non ha controindicazioni, una corretta esecuzione sarà molto utile. Non dovresti ricorrere ad esso se ci sono terminazioni nervose pizzicate. Se hai superato l'osteocondrosi cervicale, hai deciso di eseguire il trattamento a casa con l'aiuto del massaggio, dovrebbe essere eseguito solo da un professionista con alte qualifiche e una vasta esperienza.

Le procedure aiuteranno a normalizzare il flusso sanguigno, ad avviare il processo di rigenerazione dei tessuti, a migliorare la salute generale ed eliminare gli spasmi muscolari. Ma va tenuto presente che non è usato come unico trattamento.

A cosa serve un cuscino ortopedico?

Durante il sonno è importante che la testa, le spalle e il collo siano nella posizione corretta e comoda. I tradizionali cuscini morbidi e lanuginosi non sono sempre in grado di fornire questo, mentre le opzioni ortopediche sono progettate in modo tale che il corpo assuma la posizione corretta.

I materiali, la forma in cui sono realizzati, consentono di rilassare contemporaneamente le vertebre cervicali e garantire la loro posizione uniforme. Sono posizionati non sotto le spalle (perché questo porta a una curvatura della colonna vertebrale), ma direttamente sotto la testa. A causa delle loro proprietà, i cuscini ortopedici servono non solo a prevenire varie malattie del rachide cervicale. Il loro uso è una misura aggiuntiva nel loro trattamento.

Ginnastica per l'osteocondrosi cervicale a casa

Una delle condizioni per migliorare la condizione è mantenere la normale massa muscolare nell'area interessata. Ma gli esercizi fisici per l'osteocondrosi cervicale devono essere composti correttamente in modo da non danneggiare durante il trattamento della malattia. Dovrebbero essere attivi e rilassanti. Ciò significa che dovrebbero aiutare a rafforzare i muscoli, ma allo stesso tempo aiutare a migliorare il flusso sanguigno, eliminare i processi stagnanti e alleviare il dolore.

La ginnastica per l'osteocondrosi cervicale può includere i seguenti esercizi:

  • Stando in una posizione in cui i tuoi piedi sono paralleli tra loro e alla larghezza delle spalle, allunga la testa verso l'alto. Allo stesso tempo, è desiderabile sentire che qualcuno ti sta tirando verso l'alto. In questa posizione, descrivi 5 cerchi in senso orario e 5 cerchi che perdonano in senso orario. L'ampiezza della rotazione non dovrebbe essere grande, in modo da non ferire le vertebre cervicali;
  • Le gambe si trovano nella stessa posizione dell'esercizio precedente. con osteocondrosi cervicale. Metti le mani sullo stomaco in modo che un palmo copra l'altro. Allunga la testa in avanti, come se volessi allungare il naso contro un muro. Le spalle devono rimanere in posizione. In questa posizione, abbassa la testa su e giù senza lanciarla indietro. Durante l'esecuzione di questo esercizio con lo sviluppo dell'osteocondrosi cervicale, non dovresti provare disagio, dolore, sensazioni di trazione. Ripeti i movimenti in entrambe le direzioni almeno 10 volte;
  • Esegui le stesse manipolazioni del paragrafo precedente, sposta solo la testa indietro, non in avanti;
  • Siediti su una sedia, mantenendo il corpo dritto e fai solo girare la testa (5-6 in ogni direzione). Fallo dolcemente, lentamente, cercando di sentire ogni mm del rachide cervicale;
  • Appoggia la fronte sul palmo della mano. Il secondo dovrebbe resistere e tu cerchi di superarlo. Non dovresti essere troppo zelante: la pressione dovrebbe essere tangibile, ma non portare al dolore. Esegui le manipolazioni 8-10 volte, quindi fai una pausa per 15-20 secondi. Dopo una pausa, ripetere l'esercizio, ma con un cambio di mano;
  • Alza le spalle più in alto possibile espirando. Mantieni questa posizione per circa 10 secondi. Mentre inspiri, rilassa le spalle e poi ripeti questi passaggi 8-10 volte;
  • Da seduto o sdraiato, massaggia la parte posteriore della testa con movimenti delicati con la punta delle dita.

Questi esercizi per l'osteocondrosi cervicale sono raccomandati anche per i pazienti che sviluppano osteocondrosi cervicotoracica.

È necessario prevenire la malattia: mangiare bene, esercitare attività fisica (ma non traumatica), monitorare il proprio peso. Come misura preventiva, dovrebbe essere eseguita una ginnastica speciale. Puoi usare la serie di esercizi in questo articolo.